top of page
Image by NASA

Approfondimenti Deep Marketing.

Posiziona i prezzi in basso per aumentare le vendite, online e offline

La posizione del prezzo di un prodotto può influenzare la percezione del costo e, di conseguenza, le vendite. Secondo alcune ricerche nel campo della psicologia delle vendite, mostrare i prezzi in una posizione più bassa rispetto al prodotto porta a un aumento delle vendite, senza danneggiare la percezione della qualità.

Uno studio condotto in sei esperimenti differenti ha rivelato che:

  1. Le persone percepivano il prezzo di un filo interdentale da $2,49 come il 9% più economico quando era mostrato nella parte inferiore dell'immagine rispetto alla parte superiore.

  2. Le vendite in un negozio di liquori erano del 35,2% più alte quando i prezzi erano mostrati sotto le bottiglie piuttosto che sopra.

Ecco quindi un suggerimento pratico per gli imprenditori e i marketer: posizionate il prezzo al di sotto del prodotto (ad esempio, nella vostra pubblicità, nella pagina del prodotto o sugli scaffali del negozio), e non sopra. Le persone percepiranno il prezzo come più basso e saranno più inclini all'acquisto.

Ma perché funziona questo trucco? La spiegazione risiede nella metafora mentale condivisa che associa "in basso" a "meno" e "in alto" a "più", un concetto radicato nella mente della maggior parte delle persone. Ad esempio, si può essere il "re della collina" o "essere in paradiso" e, al contrario, toccare il "fondo" o "scendere all'inferno".

Quando vediamo un prezzo in una posizione verticale bassa, associamo "in basso" a "meno" e lo percepiamo come un numero più piccolo di quello che è realmente. Questo fenomeno, noto come "effetto posizione verticale del prezzo", può essere sfruttato dai commercianti per creare offerte più attraenti e aumentare le vendite.

Comentarios


bottom of page