top of page
Image by NASA

Approfondimenti Deep Marketing.

Google Ads è sempre più costoso e competitivo. Soluzioni?

Secondo una recente analisi di Wordstream, quasi tutti i settori di mercato hanno registrato un aumento dei costi degli annunci di Google Ads e soprattutto nell'acquisizione di lead. In media, questo aumento è del 19% anno su anno. È interessante notare che i tassi di conversione sono diminuiti del 14%, mentre sia i CPC che i CTR sono rimasti relativamente stabili. La somma dei tre fattori conduce inevitabilmente all'esplosione dei costi di acquisizione.

In questo dettagliato articolo vedremo i settori che costano di più e di meno, con maggiore o minore interazione (CTR) e con costi per lead sensati o esagerati. Inoltre, cercheremo di capire i "perché" di questi numeri. In chiusura, vedremo alternative a Google Ads, visto quanto oggi sia diventato un terreno impegnativo e capace di svuotare rapidamente il portafogli.

I costi

Gli annunci di ricerca su Google hanno continuato a registrare dopo la pandemia una crescita costante del costo medio per click, salendo leggermente rispetto ai dati dello scorso anno a 2,96 dollari in media. Questo aumento è dovuto principalmente alla maggiore concorrenza e all'aumento del costo delle parole chiave, in quanto gli operatori si concentrano su una pubblicità più mirata. Tuttavia, ci sono ancora diversi settori che riescono a mantenere CPC più bassi della media grazie ai loro tassi di click-through più elevati.

Il settore Arte e Spettacolo ha un CPC medio di soli 0,85 dollari, che lo rende uno dei più bassi di tutte le categorie di quest'anno. Le parole chiave relative a gallerie d'arte, festival e arti dello spettacolo tendono ad avere tassi di click-through estremamente elevati, consentendo agli inserzionisti di questo settore di mantenere un CPC basso pur raggiungendo la portata desiderata. Anche l'abbigliamento/moda e gioielli hanno CPC bassi, pari a 1,04 dollari, e il motivo principale è che gli utenti che cercano vestiti o gioielli spesso sanno cosa stanno cercando e sono più propensi a cliccare su un annuncio relativo a questi articoli.

Si noti tuttavia che questo dato confligge con il bassissimo tasso di interazione tra utenti e annunci (CTR) del fashion, come vedremo nel prossimo capitolo. La situazione nella moda è quindi a due facce: da un lato il costo per clic è relativamente contenuto (per quanto 1 dollaro a clic possa essere un valore economico), dall'altro le persone interagiscono poco con gli annunci, causando una estrema difficoltà nelle conversioni.

Sport e tempo libero è un'altra categoria che mantiene costantemente un CPC basso, con una tariffa media di soli 1,15 dollari quest'anno. Ciò è in parte dovuto al numero di persone che utilizzano motori di ricerca come Google per cercare informazioni su eventi o squadre nelle loro aree locali, nonché biglietti per eventi sportivi e attività ricreative. Con una concorrenza così scarsa in questo mercato, le aziende sono in grado di offrire prezzi competitivi e di ottenere comunque un numero di clic sufficiente a farli fruttare.

Anche i viaggi rientrano tra i settori con bassi tassi CPC, con una media di 1,39 dollari per clic quest'anno. Il che a prima vista è bizzarro vista la concorrenza estrema nel settore, ma il trucco sta realisticamente nell'uso di tantissime parole chiave a "coda lunga" e nel fatto che non siamo ancora totalmente usciti dagli effetti della pandemia in termini di competizione per i viaggi. Anche i ristoranti e il cibo hanno buoni risultati, con una media di 1,49 dollari per clic.

Il settore immobiliare viene dopo, con una serie di vantaggi propri quando si tratta di campagne SEO, dato il CPC relativamente basso, con una media di soli 1,51 dollari per clic. Grazie soprattutto al fatto che gli acquirenti tendono a passare molto tempo a ricercare le proprietà prima di prendere una decisione - dando agli agenti e ai venditori molte opportunità di visibilità attraverso i contenuti organici - le campagne immobiliari sono in grado di ottenere decenti ritorni, Collezionismo e Regali vengono dopo il settore immobiliare con un costo medio per clic (CPC) di 1,54 dollari, mentre Automotive - Vendita completa l'elenco con una forte performance a 1,89 dollari CPC in media, grazie soprattutto alla possibilità di sfruttare eventi e lanci di nuovi modelli, quindi un focus dei Flight pubblicitari durante i momenti chiave, come la presentazione di un modello o le offerte speciali.

Incredibilmente ci sono settori con costi semplicemente fuori scala. Alcuni esempi:

  • Servizi legali: 8.5 dollari per clic

  • Dentisti: 6.7 dollari

  • Oggetti per la casa e affini: 5.7 dollari

Questi sono chiaramente dati medi, e in Italia il valore è generalmente più basso, ma se lavorate in questi settori dovreste combinare gli investimenti su Google Ads ad altre forme di marketing più economico, come content marketing e social media.

Performance
Sport e benessere sono nel momento migliore possibile quanto a interazione e costi

Settori facili e settori difficili

Osservando invece il tasso di click-through (CTR), abbiamo in vetta tre settori distinti:

  • Arti e spettacolo è in testa con un impressionante 16,29%;

  • Sport e tempo libero segue a ruota con l'11,69%;

  • Mentre i viaggi completano la top 3 con il 10,29%.

Tutti e tre questi settori hanno registrato un grande successo in termini di CTR, sfruttando il loro fascino unico per attirare più clic sui loro annunci rispetto ad altri settori. Si noti che questi ottimi di interazione rendono le campagne ancora più appetibili considerati i bassi costi per clic visti di sopra.

Dall'altra parte dello spettro, ci sono i settori di mercato notoriamente difficili e in cui ottenere interazioni è ancora più complicato che in passato:

  1. L'abbigliamento/moda e gioielli si è piazzato all'ultimo posto con un misero CTR del 2,24%;

  2. Shopping, collezionismo e regali (in generale) è seguito da vicino con il 2,45%;

  3. L'arredamento ha registrato il 3,49%;

  4. La casa e i lavori di ristrutturazione hanno registrato il 3,95%;

  5. Avvocati e i servizi legali hanno completato la classifica con il 4,71%.

Questi cinque settori sono universalmente complicati e per questo è sempre consigliabile affidarsi a un'agenzia immediatamente se vi occupate di queste Industry e non buttare via budget gestendo le campagne per proprio conto.

Ragazzo fashion
Moda, fashion, abbigliamento: costi decenti su Google, ma interazioni e conversioni bassissime

Convertire in lead e clienti è sempre più complicato

Il costo medio per lead (CPL) per gli annunci di ricerca su Google quest'anno è di 40,74 dollari, con un aumento del 19% rispetto all'anno scorso.

Avvocati e servizi legali hanno ottenuto il CPL più alto, con una media di 111,86 dollari, seguiti da Arredamento (91,47 dollari), Servizi alle imprese (87,04 dollari) e Abbigliamento/moda e gioielli (86,41 dollari). Per contro, sei settori hanno registrato un CPL medio inferiore a 30 dollari: Automotive - Riparazione, assistenza e ricambi (19,85 dollari), Medici e chirurghi (22,74 dollari), Sport e ricreazione (23,57 dollari), Arte e intrattenimento (25,46 dollari), Animali e animali domestici (26,25 dollari) e Ristoranti e generi alimentari (27,18 dollari).

Sì, I lead costano sempre di più, è innegabile. E, se è vero che nello sport e nell'arte le cose sono più agevoli, il legal, la consulenza B2B e l'abbigliamento sono sempre più un ring per professionisti di alto livello. È ormai semplicissimo buttare via migliaia di euro in campagne che non portano a nulla.

È chiaro quindi che alcune categorie richiedono una spesa maggiore per ottenere risultati che possano essere considerati soddisfacenti; l'aumento dei costi pubblicitari può mettere sotto pressione le aziende e i marketer, che si trovano ad affrontare livelli di concorrenza sempre più elevati nel mercato dei motori di ricerca, cercando di tenere il passo con i concorrenti che fanno lievitare i prezzi a causa dell'aumento della domanda e dei livelli di interesse dei consumatori sulla piattaforma stessa.

Questa tendenza al rialzo potrebbe essere vista come un segno dei tempi che cambiano all'interno del marketing digitale; mentre le campagne PPC sono state spesso viste come una soluzione comune per raggiungere rapidamente il pubblico, questi risultati dimostrano che è necessario tenere in maggiore considerazione l'elaborazione e l'esecuzione di strategie molto sofisticate per l'utilizzo di Google Ads, affinché queste rimangano efficaci per qualsiasi azienda o organizzazione in futuro, soprattutto quando si tratta di coloro che operano all'interno di mercati competitivi o alla ricerca di un elevato ROI dai loro sforzi di spesa pubblicitaria

Nel complesso, i dati suggeriscono che c'è stato uno spostamento generale verso valori di CPL più elevati nel corso del 2021 - che sembra destinato a continuare se le tendenze dovessero confermarsi come sono attualmente.

Ragno e libellula
Catturare lead? Un'impresa

Le alternative

Ammettiamolo. Google Ads è uno dei canali pubblicitari più potenti ed efficaci a disposizione delle aziende online. Vi permette di raggiungere il vostro pubblico con grande precisione e nel momento esatto in cui sta cercando prodotti o servizi come i vostri. Grazie alla sua natura di search intent, potete rivolgervi a potenziali clienti che hanno già un forte interesse per ciò che offrite. Tuttavia, con l'aumento della concorrenza e con il crescente numero di aziende che si rivolgono a Google Ads per le loro attività di marketing, come abbiamo visto in questo articolo i costi di gestione delle campagne sono diventati in alcuni casi sempre più elevati.

Fortunatamente, ci sono altre opzioni disponibili per aumentare il traffico sul sito web e generare contatti. Di seguito eviteremo le alternative "ovvie" come Facebook Ads o le campagne Display su Google.

Amazon Ads

Una di queste è la pubblicità su Amazon Ads. Amazon offre una serie di prodotti di marketing che possono essere utilizzati per promuovere la vostra attività sulla sua piattaforma, come i prodotti sponsorizzati, i marchi sponsorizzati, gli annunci video e gli annunci audio. Grazie all'ampia portata di Amazon e alle capacità di segmentazione del pubblico altamente mirate, potete assicurarvi che i vostri annunci raggiungano le persone giuste.

Pinterest

Un'altra grande opzione da considerare è Pinterest. Questa piattaforma di condivisione di immagini ha oltre 400 milioni di utenti mensili che la utilizzano per scoprire nuove idee e prodotti. Grazie alla sua forte componente visiva, Pinterest consente alle aziende di presentare le loro offerte di prodotti con immagini o video esteticamente gradevoli, che le aiutano a distinguersi in un mercato affollato. Inoltre, la funzione "Pinterest Promoted Pins" consente di indirizzare gli utenti in base ai loro interessi e di ottimizzare ulteriormente le campagne pubblicitarie.

Tablet Pinterest
Pinterest è spesso (a torto) ignorato dalle aziende

Spotify

Spotify è un'ottima alternativa a Google Ads per le aziende che vogliono raggiungere una serie di potenziali clienti. Con la crescente popolarità dello streaming musicale e dei podcast, questa piattaforma consente alle aziende di accedere a oltre 250 milioni di utenti attivi che ascoltano le loro canzoni e i loro podcast preferiti. Spotify offre anche analisi dettagliate che consentono alle aziende di monitorare il livello di coinvolgimento con i loro annunci, come impressioni, clic e conversioni. In questo modo è facile ottimizzare le campagne e rivolgersi al pubblico giusto.

Adroll

Adroll è un'altra buona opzione per quanto riguarda le soluzioni di marketing. La piattaforma di Adroll, basata sull'intelligenza artificiale, consente alle aziende di rivolgersi alle persone giuste con messaggi personalizzati creati in base ai dati del pubblico. Grazie alle funzioni avanzate di attribuzione e misurazione di Adroll, le aziende possono misurare l'efficacia delle loro campagne in tempo reale, identificare quali pubblici si convertono meglio e regolare le loro campagne di conseguenza. Inoltre, Adroll offre una potente funzione di remarketing centralizzato che consente alle aziende di coinvolgere nuovamente i clienti precedenti che potrebbero aver abbandonato il carrello o non aver ancora completato l'acquisto. Ciò contribuisce ad aumentare le probabilità di conversione e a incrementare le entrate per le aziende.

Display evoluto

Deep Marketing ha una partnership esclusiva con un network di 400 publisher, che consente ai suoi clienti di poter visualizzare contenuti in display perfettamente in target su moltissimi giornali e riviste online. Non solo, l'integrazione va oltre e coinvolge anche pubbliredazionali, addirittura con sistemi di lead generation. Se sei interessato, è il momento migliore per contattarci!

Yorumlar


bottom of page